Centralpark-entreprises

Centralpark-entreprises

Impianto scarico acque nere

Posted on Author Jujin Posted in Film

Acque nere, che derivano dallo scarico di sostanze organiche provenienti dagli apparecchi igienico-sanitari, in particolare il wc;; acque saponose bianche, che. 4. acque nere: Acque reflue che contengono materia fecale o urina. acque La corretta ventilazione di un impianto di scarico esclude la formazione di pressioni​. In genere si fa differenza tra acque nere. (wc), grigie (lavabi, lavabiancheria, bidet, ecc.) e grasse (cucina). Per dimensionare un impianto di scarico è. Gli impianti di scarico si differenziano pertanto tra quelli per le acque nere e bianche: le prime contengono scarichi pericolosi, acque fecali, scarti gettati nel wc.

Nome: impianto scarico acque nere
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 26.48 MB

L'aspetto igienico[ modifica modifica wikitesto ] Immagine ripresa da un robot di ispezione fognaria Lo smaltimento dei reflui in una città come in un qualunque altro agglomerato di abitazioni è un problema della massima importanza. Le deiezioni contengono sempre miliardi di germi molti dei quali possono essere causa di gravi malattie , pertanto devono essere allontanate dai centri abitati nel più breve tempo possibile.

Nelle fattorie isolate, nei villaggi e in tutte le località in cui manca un impianto pubblico di fognatura, si usano le cosiddette "fosse biologiche". Nelle comunità più grandi, le deiezioni vengono allontanate per mezzo di apposite condotte che sfociano in mare , nei laghi e nei corsi d'acqua. In altre comunità, le deiezioni vengono trattate secondo precisi piani di smaltimento. La fossa biologica , usata per la sistemazione privata delle deiezioni, è fatta di mattoni, o calcestruzzo o metallo, ed ha la capacità di almeno due quintali.

In pratica, le acque nere sono quelle: di scarico industriale; di scarico dal wc, cioè le acque fecali; di scarichi come doccia, vasca, lavandino del bagno o bidet, cioè le acque bionde ecco che cosa sono ; di scarichi di cucina o lavanderia, cioè le acque grigie; saponate grasse, con olio e detersivi scaricati dalle cucine. Acque bianche e nere: come vengono trattate?

Acqua bianche e acque nere vengono separate da un apposito impianto di fognatura, cioè da tubazioni che portano il liquido elemento verso una struttura dedicata al trattamento delle une e delle altre. Vengono prima tolte le particelle impure attraverso un processo chimico, fisico e biologico.

Si elimina ogni sostanza galleggiante o disciolta. Quello che rimane si trasforma in materia biodegradabile. Quindi, il processo si conclude con la disinfezione e con lo smaltimento di liquami e fanghi.

Acque bianche o nere: come funziona la fognatura? Il sifone ha la funzione principale di evitare il ritorno dei cattivi odori in casa, mentre la braga, situata sotto il wc, è collegata alla colonna montante di scarico che, a sua volta, raggiunge il collettore di raccolta degli scarichi di tutte le colonne montanti che li convoglia nella rete fognaria alla quale è collegato tramite un sifone.

La colonna montante degli scarichi necessita di uno sfiato, collocato generalmente sul tetto della casa. Questa tubazione secondaria è chiamata "di ventilazione" e contribuisce all'eliminazione dei tipici gorgoglii dello scarico.

Nel caso ci siano condutture di scarico poste a un livello inferiore rispetto a quello della rete fognaria per esempio le condutture di scarico provenienti dalle cantine , queste verranno convogliate in una fossa biologica che, una volta colma, viene svuotata attraverso l'impiego di una pompa che spinge le acque nere nella fognatura esterna. I problemi più frequenti per l'impianto di scarico Gli impianti di scarico sono soggetti a diverse problematiche che possiamo schematicamente riassumere: rumorosità: solitamente nell'impianto di scarico la principale fonte di rumore è costituita dal wc in fase di risciacquo; in presenza di una ostruzione, o della insufficiente o totale assenza di una rete di ventilazione, la rumorosità è destinata ad aumentare.

Serve aiuto?

Rottura delle tubazioni: le principali cause di rottura sono da imputarsi alle dilatazioni termiche che devono essere calcolate in fase di progetto e risolte usando particolari manicotti di dilatazione. Esalazioni maleodoranti: l'innesto dell'apparecchio alla rete di scarico deve essere realizzato con una chiusura idraulica sifone ; l'ostruzione o la mancanza del tubo di ventilazione, possono provocare risucchi in fase di scarico con conseguente svuotamento dei sifoni ed emissione di odori sgradevoli.

Inoltre, è bene prevedere la collocazioni di pozzetti o tappi di ispezione dai quali poter agevolmente intervenire in caso di occlusione.


Nuovi articoli: