Centralpark-entreprises

Centralpark-entreprises

Allenamento scarico ciclismo

Posted on Author Nill Posted in Giochi

Nel Ciclismo serve avere anche un po di "furbizia" e pazienza nel fare e programmare gli ALLENAMENTI DI SCARICO sia per il pre gara e sia. Uno degli atteggiamenti più diffusi nei ciclisti è quello di riporre la bici in garage dopo un'uscita e di terminare così l'allenamento, senza ulteriori esercizi di. Gran parte dei ciclisti pensa che l'allenamento sia solamente fatto da fatica, km, dislivello etc.. dimenticando però la parte fondamentale del. I periodi di scarico sono importanti quanto quelli nei quali ci si allena intensamente. Nella programmazione dell'allenamento bisogna inserire.

Nome: allenamento scarico ciclismo
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 55.63 Megabytes

La sua equipe del Centro Mapei , prosegue il lavoro in avvicinamento alla grande sfida del 2 aprile sui Muri del Fiandre. Nel segno tracciato dal Professore, il programma di allenamento viene ora curato da Andrea Morelli. SI occupa anche della preparazione di alcuni corridori professionisti. Ecco quindi il programma della nuova settimana. Auguri … Befana!

Pretendere prestazioni superiori alle vostre capacità comporta risultati opposti a quelli desiderati: indolenzimento dei muscoli e eccessiva fatica renderanno più difficile e meno piacevole dare regolarità alle vostre uscite in bicicletta.

Inutile fare km un giorno e stare poi fermi 1 mese. Ideale sarebbe fare almeno uscite la settimana, anche brevi, in modo da dare continuità al vostro allenamento. Come impostare un buon allenamento in bici Ogni volta che prendiamo la bicicletta dovremo sempre ricordarci di non trascurare il riscaldamento iniziale, il defaticamento finale e lo stretching per stirare i muscoli dopo la fatica.

Partire troppo forte non permetterà ai muscoli di riscaldarsi adeguatamente e al corpo di abituarsi alla posizione sulla sella. A fine allenamento consigliamo vivamente di dedicare altri 15 minuti al vostro allenamento, di rilassare muscoli e testa con qualche esercizio di stretching.

In questa fase si possono iniziare le prime Salite Forza Resistenza. Per questo credo che durante uno scarico, la prima cosa che debba essere tagliata sia il volume di allenamento.

Le tecniche di recupero

Questo vale ancora di più nel Calisthenics, in quanto, per non perdere confidenza con i movimenti complessi ed intensi che prevede, potremo praticarli anche in scarico, con volume molto minore.

Il segreto sostanzialmente è quello di concedersi un periodo mentalmente appagante e rilassante mentre ci alleniamo: mettiamo da parte le progressioni, i carichi estremamente alti, le ansie, gli esercizi che non ci piacciono, dedicandoci per una settimana ad attività che ci fanno stare bene, provando qualche nuovo esercizio, facendo meno serie e ripetizioni degli esercizi che facevamo in precedenza.

Questa è una chiave di lettura di uno scarico ben impostato, che ci porta vantaggi a livello psicofisico. Dimezzando il volume, lo scarico diventa più marcato, basti notare la forte depressione della curva ogni 4 settimane.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Negli esercizi a corpo libero, invece, dovremo cambiare esercizio. Questa tipologia di scarico è da inserire alternatamente insieme ad altre.

In pratica al posto di fare scarico per un intero periodo, si prevede una sola sessione di allenamento di scarico. Cioè solo un allenamento.

Non importa in che giorno della settimana capita.

Semplice, veloce. Se facciamo solitamente allenamenti a settimana, nello scarico ne facciamo soltanto due. Questa metodologia è sicuramente indicata a chi si sente molto stanco e ha accumulato un senso notevole di monotonia.

Ci sono anche diversi atleti che scaricano molto poco.


Nuovi articoli: